Una settimana in Normandia: cosa vedere e dove mangiare nel Nord della Francia

Ah, la Normandia! Nonostante sia già passato qualche mese, continuo a pensare a questa vacanza, nata un po’ per caso lo scorso Natale, e diventata senza dubbio una delle più belle della mia vita.

Questa zona nel Nord della Francia, che ho raggiunto in macchina da Milano con qualche doveroso stop, è un mix incredibile di tradizione, natura, storia e paesaggi mozzafiato. Se anche voi state pensando a un tour di quelle parti, qui trovate alcuni dei miei suggerimenti.

Ecco cosa vedere e dove mangiare in Normandia! Profitez en bien! 

DIGIONE

Normandia cosa vedere
Una casetta a Digione| © Caterina Zanzi

Come tappa tra Milano e la Normandia vi consiglio di considerare Digione, la patria della senape nonché cittadina iper rilassante e piacevole per un giretto. Io mi sono fermata sia all’andata che al ritorno e ho alloggiato nel bellissimo Grand Hôtel La Cloche, che per un prezzo comprensibile mette a disposizione la propria struttura a 5 stelle, con una buonissima colazione e il parcheggio privato inclusi. Prima di rimettervi in viaggio alla volta della Normandia, fate due passi tra le viette del centro, ammirate Notre Dame e scordatevi di ripartire prima di un pellegrinaggio al negozio di Maille, in cui potrete comprare qualsiasi tipo di senape vi possa venire in mente!

ROUEN

Normandia cosa vedere
Rouen| © Caterina Zanzi
Normandia cosa vedere
L’Aitre Saint Maclou di Rouen| © Caterina Zanzi

Come prima tappa del mio viaggio ho scelto Rouen, cittadina universitaria deliziosa, una vera e propria bomboniera con il suo centro storico, i negozietti di fiori, i ristoranti per una omelette e i suoi edifici antichi. Inoltre, la sua posizione è molto strategica: se, almeno nei primi giorni, farete base qui, potrete poi raggiungere comodamente diverse altre attrazioni della Normandia, come le spiagge degli sbarchi del 1944 ed Etretat.

Normandia cosa vedere
Un negozietto di fiori a Rouen| © Caterina Zanzi

Non fatevi sfuggire tutta la parte vecchia, la romantica Place du Vieux-Marche e l’Aître St-Maclou.  Non vi dico dove ho alloggiato perché, purtroppo, era una topaia (prima e spero ultima delusione dopo anni di onorato servizio con Airbnb), mentre per mangiare vi consiglio un ottimo ristorante libanese, Payiz.

ÉTRETAT

Normandia cosa vedere
Una falesia di Étretat| © Caterina Zanzi
Normandia cosa vedere
Étretat| © Caterina Zanzi

Forse tra i paesaggi più belli che ho visto in Normandia, e tra i primi 10 in tutta la mia vita, c’è senza dubbio Étretat, piccolo e pittoresco paesino con un mercatino coperto e, soprattutto, con una spiaggia di ghiaia che si estende tra due falesie. Cosa sono le falesie? Semplice, sono blocchi di roccia con una natura maestosa e selvaggia che danno a picco sul mare. Salite assolutamente almeno su una delle due – la passeggiata non è faticosa, perfino per i pigroni come me – e il colpo d’occhio dall’alto, in ogni caso, vi ripagherà.

Normandia cosa vedere
Il plateau di crudité a Étretat| © Caterina Zanzi

Se dopo un po’ di attività fisica voleste concedervi un po’ di crudité di mare (e direi di sì, visto che siamo direttamente sull’acqua!) potete andare da La Marie Antoinette, dove ho mangiato un ottimo plateau con ogni ben di Dio!

BAYEUX

Normandia cosa vedere
Un’omelette assaggiata a Bayeuxl | © Caterina Zanzi

Per il terzo stop dopo Digione e Rouen ho scelto Bayeux, mini borgo perfetto per andare alla scoperta della parte più occidentale della Normandia. Le poche vie che connotano il centro sono carine e qui ha sede anche il famoso arazzo, che purtroppo non ho potuto visitare perché nelle vacanze natalizie era chiuso. Se anche voi vi fermerete qui, vi consiglio l’hotel in cui ho alloggiato, La Maison de Mathilde, mentre per cena il fantastico menu degustazione di Le Pommier. Da Bayeux, per arrivare a Mont Saint-Michel ci metterete circa un’ora e mezzo, mentre per le spiagge del D-Day ci vorranno soltanto una ventina di minuti!

LE SPIAGGE DEL D-DAY

Normandia cosa vedere
Omaha Beach | © Caterina Zanzi

Tra le visite obbligatorie c’è sicuramente quella alle spiagge del D-Day, e non lo dico solo perché ho studiato storia e vedere questi posti è stata una vera emozione. Questi luoghi in cui si svolse l’inizio della liberazione dell’Europa della Germania Nazista sono, al di là di vere e proprie gemme storiche, posti meravigliosi in cui fare una passeggiata tra i monumenti e ricordare. Io sono stata ad Arromanches, dove sbarcarono 2 milioni e mezzo di soldati, a Omaha Beach, quasi 7 chilometri di costa in cui si è combattuta la battaglia più importante dell’operazione e al Cimitero e Monumento alla memoria americano. Fidatevi, un salto da queste parti vi farà bene.

MONT SAINT-MICHEL

Normandia cosa vedere
Mont Saint-Michel | © Caterina Zanzi
Normandia cosa vedere
Mont Saint-Michel | © Caterina Zanzi

Lo confesso: il mio viaggio in Normandia era dovuto, in larga parte, a Mont Saint-Michel. E la ‘traversata’ è stata ripagata con uno dei momenti più romantici di sempre. Quando si sale sulla navetta e il profilo di questo isolotto comincia a stagliarsi, è impossibile non emozionarsi. Visitate quanto più potete: infilatevi nei vicoli, godetevi le maree, girate in lungo e in largo per l’abbazia e fate quante più foto possibili: ci penserete per tanto tempo, una volta rientrati a casa!

HONFLEUR

Normandia cosa vedere
Honfleur l | © Caterina Zanzi

Tra i paesini più carini, minuscoli ma comunque iper romantici, c’è Honfleur, un piccolo borgo sulla Senna, che si raggiunge percorrendo in macchina lo spettacolare Ponte di Normandia. Se è estate, qui vicino potrebbe valer la pena anche fare un salto nei due piccoli paesini di pescatori Deauville e Trouville. , anche solo per un pranzo a base di capesante, la specialità della zona. Dopo Honfleur, ho fatto un salto anche a Caen, che però secondo me non è incredibile e che quindi vi sconsiglio se non avete tantissimo tempo. Nel caso lo aveste, invece, potete allungarvi un po’ più a ovest fino a St Malo e Cancale!

Prima di partire, potete vedere qualche altra foto di questa vacanza sul mio profilo Instagram o inserendo sui social l’hashtag #ConoscoUnPostoGoesToNormandy. Nel frattempo…buona vacanza e divertitevi!


Want to read this article in English? Go here! #APlaceinMilan

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *