#ConoscoUnLibro: Divorare il cielo, un romanzo bellissimo di Paolo Giordano

Tre ragazzi che si tuffano in piscina. Vent’anni passano da quel tuffo per Teresa e Bern, Bern e Teresa, divisi da tutto, uniti dal niente, eppure sempre lì, a cercarsi, fino all’estremo.

In un panorama pugliese, prima, addirittura nell’Estremo Nord, poi. Fino all’epilogo. Dalla prima pagina fino all’ultima Paolo Giordano “ci tiene lì”. A dieci anni dalla pubblicazione de “La Solitudine dei Numeri Primi”, l’autore torna a tormentarci e darci pace, pagina dopo pagina.

La copertina di Divorare il cielo| © Caterina Zanzi

Se siete alla ricerca di un libro che parla di amore, sesso, ideali, e che vi traghetti idealmente dall’adolescenza alla maturità, questo è il romanzo che fa per voi. Da portare in spiaggia quest’estate, o dove vorrete, ma va letto.

“Sono fuggito dalla tua mano verso la tua mano”. “Sposiamo la luce e la tenebra”. E ancora, “c’è sempre molto da conoscere della vita di qualcun altro, Teresa. Non si finisce mai. E a volte sarebbe meglio non iniziare affatto”.

Il libro di Giordano, però, va iniziato, perché è pieno di frasi meravigliose e vi terrà compagnia come poche altre opere hanno saputo fare con me di recente.

Editore Einaudi. 440 pagine. Pubblicato nel 2018.  


Se avete bisogno di altri consigli per le vostre letture, qui trovate tutti gli articoli della nostra rubrica #ConoscoUnLibro!

E voi avete letto Divorare il cielo? Avete altri consigli? Lasciateli qui sotto nei commenti oppure sui social usando l’hashtag #ConoscoUnLibro!

CONDIVIDI IL POST SU


Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *