5 mostre a Milano da visitare assolutamente a novembre

Novembre è arrivato e noi siamo pronti a consigliarvi le esposizioni che, a nostro parere, non si possono assolutamente perdere questo mese. Che siate amanti di fotografia di moda o reportage, pittura del primo Novecento o illustrazione, qui troverete pane per i vostri denti. Ecco quindi le 5 mostre a Milano da visitare assolutamente!

5 MOSTRE A MILANO DA NON PERDERE A NOVEMBRE

RAYOMOND DEPARDON – LA VITA MODERNA

Tra le mostre a Milano che ci hanno più colpito questo mese, vi è senza dubbio la meravigliosa retrospettiva intitolata La vita moderna, che ripercorre la carriera del fotografo e cineasta francese Raymond Depardon. L’esposizione è frutto della consolidata partnership tra la Triennale e Fondation Cartier, fondazione legata all’artista che nel corso degli anni ha collezionato più di 500 opere. Il magnifico allestimento è stato realizzato e concepito in collaborazione alla scenografa Théa Alberola e all’artista Jean-Michel Alberola. Con le sue 300 fotografie, questa è la più grande mostra di Depardon mai realizzata. Ci hanno colpito molto le imponenti stampe di paesaggi, strade e rotaie della serie Errance – dedicata al viaggio e al vagabondaggio. A commuoverci particolarmente, però, è stata la serie San Clemente, scattata in Italia, che chiude la mostra e racconta la realtà dei manicomi italiani prima che venissero chiusi nel 1978. Non perdetevela!

TRIENNALE. Viale Alemagna, 6. Aperto tutti i giorni (11-20) tranne il lunedì. Ingresso: per tutte le mostre 16€, intero 12€, ridotto 10€. In calendario fino al 10 aprile 2022.

SAUL STEINBERG – MILANO NEW YORK

Sempre in Triennale (vi consigliamo quindi di acquistare un biglietto unico!) è in corso Saul Steinberg – Milano New York. Steinberg trascorse a Milano gli anni della sua formazione, stringendo solide e fraterne amicizie – come quella con Aldo Buzzi – e avviando la propria carriera di disegnatore umoristico, collaborando con riviste satiriche quali Bertoldo e Settebello. A testimonianza della multiforme attività artistica di Steinberg, una variegata selezione di opere: disegni a matita, penna e pastello, ma anche acquarelli e opere realizzate con timbri originali, maschere di carta e oggetti vari. E poi libri, riviste, lettere private, documenti e fotografie per conoscere meglio non solo la carriera artistica ma anche la vita personale di un tanto carismatico personaggio. Ampio spazio è dedicato ai quattro disegni preparatori (realizzati su strisce di carta piegate lunghe fino a 10 metri) compiuti per decorare il Labirinto dei bambini, progettato dallo studio di architettura BBPR per la 10° Triennale di Milano nel 1954. In quest’opera, poi ingrandita fotograficamente e incisa con la tecnica dello sgraffito sui muri curvi della struttura, sono infatti concentrati gran parte dei temi e segni artistici più caratteristici dell’artista, tra cui quello centrale della linea, che tra le mani e nei pensieri dell’illustratore perde del tutto la sua semplicità, declinandosi inesauribilmente in un continuo esperimento narrativo. 

TRIENNALE. Viale Alemagna, 6. Aperto tutti i giorni (11-20) tranne il lunedì. Ingresso: per tutte le mostre 16€, intero 12€, ridotto 10€. In calendario fino al 13 marzo 2022.

MARCO GLAVIANO – A LIFE OF PHOTOSHOOTS

Le polaroid originali di Marco Glaviano | © Carlotta Coppo

Passiamo ora a parlare di fotografia di moda con A life of photoshoots in corso alla Deodato Arte Gallery, la prima personale del fotografo palermitano di origine e newyorkese di adozione Marco Glaviano, protagonista dei magici anni Ottanta, età dell’oro della moda. L’esposizione racchiude alcuni dei più celebri scatti del fotografo, che ritraggono le top model icone di quell’epoca, tra cui la sua indiscussa musa Cindy Crowford, ma anche e soprattutto una larga selezione di polaroid originali provenienti del suo vasto archivio personale: immagini preziose, incantevoli e “senza trucchi” scattate durante i viaggi di lavoro e i backstage dei servizi scattati per le più importanti testate di settore come Vogue e Harper’s Bazaar

DEODATO ARTE. Via Nerino, 2. Aperto da martedì a sabato (10:30-14 e 15-19). Ingresso: libero. In calendario fino al 13 novembre 2021.

MARIO TESTINO – UNFILTERED

Anche alla 29 arts in progress è in corso una mostra dedicata alla fotografia di moda: si tratta di Mario Testino – Unfiltered. Un primo corpus di opere – selezionato dal fotografo stesso coi direttori della galleria – sarà ammirabile fino al 27 novembre, per poi essere sostituito da una seconda selezione di immagini dal 2 dicembre al 28 febbraio 2022. Se in questa prima fase a essere protagoniste sono opere legate al nostro Paese, facenti parte del recente progetto editoriale “Ciao” (edito da Taschen nel 2020 e dedicato all’Italia), nella seconda si avrà modo di vedere anche ritratti più intimi, istantanee di autentici momenti di vita vissuti dal fotografo peruviano insieme ad alcuni dei volti più strettamente riconducibili alla sua straordinaria carriera. Un’occasione da non perdere, trattandosi della prima grande personale di Testino ospitata da una galleria d’arte

29 ARTS IN PROGRESS. Via San Vittore, 13. Aperto da martedì a sabato (11-19). Ingresso: libero. In calendario fino al 27 novembre 2021.

REALISMO MAGICO – UNO STILE ITALIANO

Alcune delle opere esposte | © Carlotta Coppo

Nel 1925 il critico tedesco Franz Roh coniò il termine Realismo Magico per definire l’insolito realismo dei pittori della “Nuova Oggettività” tedesca, caratterizzato da una minuziosità di dettagli e una resa tanto tersa da risultare straniante. Il critico nostrano Massimo Bontempelli ne sintetizzò le caratteristiche con le seguenti parole: “precisione realistica di dettagli, solidità di materia ben poggiata al suolo, e intorno come un’atmosfera di magia”. Dopo trent’anni dall’ultima esposizione milanese dedicata a questa corrente pittorica, Palazzo Reale torna a celebrare il Realismo Magico con una bellissima mostra. La maggior parte delle opere arrivano da collezioni private, come quella del gallerista e critico d’arte Emilio Bentornati. Il percorso espositivo è cronologico-filologico ma anche tematico, e ruota intorno a capolavori di artisti italiani quali Achille FuniMario SironiUbaldo OppiAntonio DonghiEdita Broglio e Cagnaccio di San Pietro. Tra le mostre a Milano di questo mese, l’abbiamo trovata davvero bellissima. 

PALAZZO REALE. Piazza del Duomo, 12. Aperto tutti i giorni (10-19:30, gio fino alle 22:30) tranne lunedì. Ingresso: intero 14€, ridotto dai 12€ ai 6€ a seconda della riduzione. In calendario fino al 27 febbraio 2022.

E voi avete già visitato una di queste mostre a Milano? Ne avete altre da consigliare? Ditecelo qui sotto, oppure sulla nostra pagina Instagram!

Siete appassionati di arte e cultura? Date un’occhiata alla nostra sezione dedicata!

Related posts

10 rassegne di cinema e teatro a Milano per questa estate

Eventi a Milano a giugno 2024: cosa, dove e quando

5 mostre a Milano da visitare assolutamente a giugno