Una cena divertente (e buona) da Veranda, ristorante russo in Cinque Giornate

Veranda era sulla nostra lista da tempo immemore. Di questo ristorante russo in zona Cinque Giornate, infatti, ne abbiamo sempre sentito parlare bene, e dopo il nostro viaggio in Russia ci era rimasta voglia di quella cucina (qui e qui i nostri ristoranti etnici preferiti). La consacrazione di Borghese a 4 Ristoranti ci ha dato la spinta finale, e così, ad aprile, abbiamo organizzato una bella cena di redazione. Il responso? Vi basti sapere che stiamo già pensando a quando ritornare.

Abbiamo provato Veranda e qui vi diciamo com’è!

IL MENU DI VERANDA: specialità russe e ucraine e fiumi di vodka

Il menu di Veranda è abbastanza lungo e si basa sui cavalli di battaglia gastronomici dell’Europa orientale (principalmente russi e ucraini), da accompagnare rigorosamente a shottini di vodka. In carta troverete tutti i grandi classici, comprese le zuppe (per esempio, il borsh), il vitello alla Stroganoff e il goulash.

Arriviamo qui con grandi speranze e una tavolata assortita, motivo per cui iniziamo a condividere gli antipasti più tradizionali: l’Olivier (cioè l’insalata russa) – ovviamente -, ma anche e soprattutto l’ottimo Shuba (pasticcio di aringa con barbabietole e verdure), l’aringa in salamoia servita con patate, crauti e cetrioli in salamoia, e i bliny, crêpes tradizionali proposte in diverse versioni, tra cui quella con uova di salmone e panna acida e quella con patate e funghi.

Gli ingredienti ci sembrano davvero buoni, e le preparazioni, pur nella loro semplicità, sono convincenti e per nulla pesanti, come invece qualcuno (a torto) potrebbe aspettarsi.

L’aringa | © Elisabetta De Candia

Continuiamo ordinando un piatto principale a testa. Così, arrivano sul nostro tavolo i golubzi, involtini di cavolo bianco riempiti con carne mista, carote, cipolle e riso, e i vareniki, ravioli ucraini ripieni di patate, funghi e cipolle, serviti con panna acida e burro fuso.

Ma anche i pel’meni, ravioli siberiani ripieni di carne mista. Il piatto che vince la serata, per noi, è stato però lo shashlyk, carne di maiale marinata 12 ore con spezie georgiane e cipolle. Delicata e saporita, allo stesso tempo, la carne è morbidissima e viene accompagnata con purè di patate o un’insalatina fresca. Pazzesca.

Lo shashlyk | © Caterina Zanzi

Chiudiamo con i dolci, non il piatto forte dell’offerta – potete a nostro avviso tranquillamente tralasciarli, e concentrarvi piuttosto sulle portate salate. Li proviamo comunque tutti: la torta russa Napoleone, quella ucraina al miele (Medovik) e le syrniki, frittelle di ricotta e marmellata.

A quel punto, comunque, i plurimi bicchierini di vodka hanno fatto effetto, e ci sembra tutto ottimo. Nel caso non foste amanti dei superalcolici, potete accompagnare la cena tranquillamente con vino, birra o kvas, la celebre bevanda a base di pane di segale.

L’ATMOSFERA DI VERANDA: spartana e divertente

Un tavolo di Veranda | © Carlotta Coppo

Veranda nasce come tavola calda e non tradisce le sue intenzioni originali nell’aspetto: si presenta, infatti, tutt’oggi come un’unica sala, in zona Cinque Giornate, arredata in maniera piuttosto spartana, con i tavoli ravvicinati e qualche elemento kitsch a ravvivare l’ambiente. Ma qui non si viene tanto per gli arredi, quanto per l’atmosfera che si respira: e quella non delude. Tre quarti del locale la fa Lilia, l’estroversa proprietaria che durante la serata, non temete, proporrà diversi brindisi e vi farà sentire davvero come a casa. Se siete fortunati, come lo siamo stati noi, la cena potrebbe chiudersi intonando la celeberrima canzone “Kalinka, malinka”. Se vi piace divertirvi, non potrete non uscire ridendo, dopo aver trascorso una bella serata.

I PREZZI DI VERANDA: moderati

Un tavolo di Veranda | © Carlotta Coppo

Da Veranda, dovreste uscire con una spesa a testa di una trentina di euro, e con la pancia piena (e la testa leggera). Tenete conto che i prezzi degli antipasti variano tra gli 8 e i 12 euro, mentre i piatti principali si assestano tra gli 8 e i 15 euro. Un conto moderato, che ci ha fatto venire voglia di tornare al più presto per un’altra cantata in compagnia e una serata simpatica, come a Milano ormai ne restano poco. Vi lasciamo con un’esclamazione a cui, siamo certi, non potrete non abbandonarvi anche voi: na zdorovie!

VERANDA
Via Bezzecca 6, Milano
02 39980378
Aperto tutti i giorni (12:30-15 e 19-23:30, mar mer solo a cena) tranne lunedì

INFORMAZIONI UTILI:

  • Menu: ristorante con menu russo, con alcuni piatti adatti ai vegetariani e vegani
  • Prezzo: sui 30 euro a testa
  • Mood: adatto a cene di ogni tipo, da quelle in famiglia a serate tra amici. Queste ultime molto divertenti.
  • Come prenotare: telefonicamente
  • Come arrivare: bus 60, 73; tram 9, 12, 27

Conoscevate già il ristorante Veranda? Lo avete già provato? Fatecelo sapere condividendo i vostri scatti con l’hashtag #ConoscoUnPosto o commentando qui sotto!

Siete amanti dei ristoranti etnici? Qui trovate tutti i nostri ristoranti sul tema!

Avete un debole per la cucina dell’Est Europa? Anche Uzbek a Isola potrebbe essere una buona idea!

Avete bisogno di altri spunti? Nella Mappa di Conosco Un Posto trovate tutti i nostri posti del cuore!

Related posts

Nuovi ristoranti a Milano: 10 indirizzi da non perdere a giugno

Due passi nel quartiere Casoretto a Milano: cosa vedere e mangiare in zona

Ristoranti a Milano: 10 indirizzi che abbiamo provato questo mese

2 commenti

I 10 ristoranti etnici a Milano che più amiamo - Conosco un posto 13/10/2020 - 5:06 pm
[…] cene di redazione più divertenti in assoluto, assaggiando deliziose specialità russe e ucraine (qui trovate il nostro racconto completo). In carta troverete tutti i grandi […]
15 ristoranti buonissimi che fanno delivery a Milano - Conosco un posto 11/11/2020 - 9:54 am
[…] avete mai assaggiato le specialità russe di Veranda? Non avete più scuse! Il menu delivery di Veranda comprende tutti i grandi classici della cucina sovietica come bliny, aringa marinata con verdure, […]
Add Comment