10 musei a cielo aperto per una gita fuori porta da Milano

Di Carlotta Coppo

Bellezze artistiche e bellezze naturali: quando si ha la possibilità di fruirle contemporaneamente, la bellezza diventa esponenziale. Abbiamo selezionato per voi 10 musei a cielo aperto per una gita fuori porta da Milano, per ammirare opere d’arte en plein air, tra flora e fauna. Scoprite quali sono!

10 MUSEI A CIELO APERTO DA VISITARE

PARCO DELL’ARTE DELL’IDROSCALO

Musei a cielo aperto Parco dell arte idroscalo
Una delle opere del Parco dell’Arte | © Idroscalo

Cominciamo la nostra selezione di musei a cielo aperto da quello più vicino ai confini della città: il Parco dell’Arte dell’Idroscalo. Si tratta di un museo permanente che si estende per più di 1 km, con sculture di artisti contemporanei internazionali. La realizzazione del progetto è stata possibile grazie alla collaborazione con diverse realtà, in primis l’Accademia delle Belle Arti di Brera. Grazie al sostegno della Fondazione Cariplo, inoltre, a dare ulteriore valore al Parco dell’Arte, si è aggiunto anche il Museo Giovani Artisti, che si inserisce nel percorso di formazione degli allievi della Scuola di Scultura dell’Accademia, invitati a riflettere sul rapporto tra arte, natura, ambiente e paesaggio e a esporre pubblicamente le proprie opere. Per visitare il parco l’ingresso è dalla Riviera Est. 

PARCO DELL’ARTE DELL’IDROSCALO. Ingresso Rivera Est, Novegro. Ingresso: gratuito. Aperto tutti i giorni (7.30-21).

ROSSINI ART SITE

Musei a cielo aperto Rossini Art Site
Una veduta del museo | © Rossini Art Site

A meno di 40 minuti da Milano, invece, trovate un museo a cielo aperto fortemente voluto e concepito dal suo illuminato fondatore: l’imprenditore brianzolo Alberto Rossini. La grandissima passione per l’arte l’ha portato a collezionare opere di grandi artisti e giovani talenti e a riempirne il giardino della sua villa, trasformandolo di fatto in un museo en plein air. L’apertura ufficiale è avvenuta nel 2014, appena un mese prima della morte del magnate, fortunatamente riuscito a veder realizzato il suo sogno. Il progetto del padiglione di ingresso è stato affidato all’architetto James Wines, dello studio Site di New York, che ha optato per un tetto verde, pensato per essere conquistato dalla vegetazione autoctona, e vetrate a tutta altezza con vista sui 10 ettari di parco. Le opere presenti nel museo appartengono per lo più a movimenti artistici quali la Scultura Astratta italiana (sviluppatasi tra il secondo dopoguerra e gli anni 60); il Movimento Arte Concreta, l’Astrattismo Europeo e il Nouveau Réalisme, oltre a sculture site-specific realizzate da amici artisti ed emergenti sfruttando competenze e strumentazioni messe a disposizione dall’azienda meccanica di famiglia. 

ROSSINI ART SITE. Via Col di Frejus 3, Briosco (MB). Ingresso: intero 9€, ridotto 6€. Aperto la domenica (10.30-18.30).

PARCO DELLE SCULTURE DI FRANCIACORTA 

Musei a cielo aperto parco sculture franciacorta
Una delle opere del Parco delle Sculture di Franciacorta | © Relais L’Albereta

Questo museo a cielo aperto in Franciacorta, a meno di un’ora di macchina da Milano, è nato per celebrare l’arrivo del terzo millennio e rappresenta il frutto del Premio Internazionale Scultura Terzo Millennio, indetto dal Gruppo Terra Moretti e patrocinato dal Ministero dei Beni Culturali. Gruppo Terra Moretti ha infatti dato la possibilità agli scultori under 30 di tutto il mondo di veder realizzata in grandi dimensioni una propria opera. Durante il percorso nel parco – che si estende per più di 60 ettari a partire dal relais L’Albereta, a Erbusco, fino alle Cantine Bellavista – sono esposte le opere dei 10 vincitori oltre ad altre 3 sculture, distintesi per le loro qualità artistiche. Il parco vuole essere un tributo alla creatività e alla libertà umana di trasformare spazio e natura per mezzo di talento, tecnica e immaginazione. 

PARCO DELLE SCULTURE DI FRANCIACORTA. Via Vittorio Emanuele 23, Erbusco (BS).

ORIGGIO

Tra i musei a cielo aperto presenti al Nord Italia non si può non menzionare una cittadina a soli 25 km da Milano, inserita in un territorio agricolo e industriale con meno di 8mila abitanti: Origgio. Un piccolo centro di provincia che si è conquistato l’appellativo di Città delle Sculture grazie al percorso di decoro artistico intrapreso a partire dal 1988, con il fine di valorizzare e salvaguardare il territorio per le generazioni future. Vi basterà girare per le sue vie, nei suoi giardini e tra la sue case per imbattervi in numerose sculture di artisti internazionali. 

ORIGGIO

MUSEO D’ARTE MODERNA PAGANI

Musei a cielo aperto Museo d arte moderna pagani
Sculture e mosaici | © Museo d’Arte Moderna Pagani

Anche il Museo d’Arte Moderna Pagani si trova in provincia di Varese, a Castellanza, col suo parco di 40 ettari inserito in un’area boschiva al confine con Legnano, città di nascita del magnate e artista Enzo Pagani, suo ideatore. Qui vengono custodite circa 650 opere, tra variopinti mosaici e sculture realizzate coi più svariati materiali, appartenenti a diversi movimenti artistici tra cui futurismo, surrealismo e dadaismo. 

MUSEO D’ARTE MODERNA PAGANI. Via Gerenzano 70, Castellanza (VA). Aperto solo per visite di gruppo previa prenotazione sul sito.

GIARDINO BOTANICO ANDRÉ HELLER

Musei a cielo aperto giardino botanico andre heller
Arte e tulipani | © Giardino Botanico André Heller

A Gardone Riviera, a un’ora e quaranta minuti da Milano, si trova invece il Giardino Botanico André Heller, che si sviluppa per 10 ettari e contiene 3mila specie botaniche provenienti da ogni parte del mondo: dalle Alpi all’Himalaya, dall’Africa al Giappone. Al di là delle bellezze naturali, qui si possono ammirare le opere realizzate dall’artista multimediale viennese André Heller, oltre a quelle a lui donate o da lui commissionate (tra cui sculture di artisti super noti come Keith Hering e Roy Lichtenstein). Alcuni artisti hanno addirittura creato le loro opere in loco, utilizzando materiali naturali offerti dal giardino stesso. 

GIARDINO BOTANICO ANDRÉ HELLER. Via Roma 2, Gardone Riviera (BS). Ingresso: intero 12€, ridotto 5€. Aperto tutti i giorni da marzo a ottobre (9-19).

MACA DI MORTERONE

Musei a cielo aperto maca museo d arte contemporanea di morterone
Una delle opere presenti a Morterone | © MACA Morterone

Sempre a meno di due ore da Milano si trova anche il Museo d’Arte Contemporanea all’Aperto di Morterone, in provincia di Lecco, nato per iniziativa dell’Associazione Culturale Amici di Morterone nel 1986. L’obiettivo era quella di trasformare il paese in un laboratorio di creatività e possiamo dire che lo scopo sia stato raggiunto, dato che oggi Morterone è un vero e proprio museo a cielo aperto, che conta una trentina d’opere di artisti internazionali, immerse nella natura e disseminate tra le sue case e sulle facciate degli edifici. 

MACA DI MORTERONE. Morterone (LC).

CA’ LA GHIRONDA MODERNARTMUSEUM

Musei a cielo aperto ca la ghironda modernartmuseum
Una delle sculture del museo | © Ca’ La Ghironda

Sui colli bolognesi, a soli pochi minuti dal centro di Bologna e a due ore circa da Milano, si trova Ca’ La Ghironda ModernArtMuseum. Qui – tra le mura del museo e il suo parco di 10 ettari – vengono ospitate opere d’arte moderna e contemporanea, sia pittoriche che scultoree. Nella parte di museo a cielo aperto, sono presenti ben 210 sculture, incorniciate da un ampio spettro di piante autoctone. 

CA’ LA GHIRONDA MODERNARTMUSEUM. Via Leonardo da Vinci 19, Ponte Ronca di Zola Predosa (BO). Ingresso: intero 5€, ridotto 3€. Aperto sabato e domenica (orari sul sito).

MUSEO DEL PARCO DI PORTOFINO

Musei a cielo aperto museo del parco di portofino
Una delle opere all’interno del parco | © Museo del Parco di Portofino

Gli amanti del mare saranno felici di sapere che esiste un museo a cielo aperto anche in Liguria, a Portofino. Il Museo del Parco di Portofino è nato nel 1987 per iniziativa del suo curatore Daniele Crippa, con il sogno di conciliare scultura contemporanea e bellezza naturale. Nel bellissimo giardino affacciato sul mare e composto da 3 terrazzamenti di pietra vengono ospitate circa un centinaio di sculture realizzate da artisti internazionalmente noti, quali Pomodoro, Rotella, Dorfles, Fontana, Cucchi e Spoerri, solo per citarne alcuni.

MUSEO DEL PARCO DI PORTOFINO. Molo Umberto I, Portofino (GE). Ingresso: libero. Aperto tutti i giorni da giugno a settembre (10-13, 15-19) tranne martedì.

ART PARK LA COURT

Musei a cielo aperto Art Park La Court
Una delle opere tra le vigne © Art Park La Court

A un paio d’ore da Milano, in Monferrato, tra 20 ettari di vigne di Barbera della tenuta La Court, si trova l’ultimo dei musei a cielo aperto per una gita fuori porta a partire da Milano: l’Art Park La Court, inaugurato nel 2003. Tra le principali opere esposte en plein air si trovano le meravigliose statue di Luzzati (tra cui la monumentale Madre Natura che si trova all’ingresso), organizzate in un percorso fiabesco dedicato ai 4 elementi, ma anche quelle di molti altri artisti di fama internazionale. La visita è libera, gratuita, non richiede prenotazione e si può effettuare tutti i giorni – tranne durante il periodo in cui i vigneti vengono trattati o avviene la vendemmia – dalle 9 al tramonto. 

ART PARK LA COURT. Castelnuovo Calcea (AT). Ingresso: libero. Aperto tutti i giorni dalle 9 al tramonto.

Se non vi bastano questi 10 musei a cielo aperto eccone altri 3 un po’ più distanti da raggiungere, sempre al Nord Italia:

  • MUSEO TONI BENETTON. Via Marignana 112, Mogliano Veneto (TV). Ingresso: intero 7€, per gruppi 5€ a persona. Aperto solo su prenotazione.
    Nato nel 2000 dal desiderio della famiglia Benetton di mantenere vivo lo spirito col quale Toni Benetton acquistò Villa Marignana, per raccogliere le sue opere e renderle fruibili in una sorta di esposizione permanente a disposizione degli appassionati di scultura. Qui sono le sue opere, sia quelle giovanili che le ultime produzioni. La parte di museo a cielo aperto è inserita in un parco di 20 ettari con alberi secolari e 60 sculture.
  • ARTE SELLA. Corso Ausugum 55-57, Borgo Valsugana (TN). Ingresso: intero 8€, ridotto 4-7€. Per info su aperture e orari consultura il sito di Arte Sella.
    Questa magnifico museo a cielo aperto è nato nel 1986 dal desiderio di un gruppo di amici di coniugare natura e arte contemporanea. Comprende il Giardino di Villa Strobele (dove tutto ebbe inizio) – visitabile dal 2016 e contenente opere realizzate da famosi architetti – e l’area di Malga Costa, un ampio parco con opere monumentali. A collegare le due aree il Sentiero Montura.
  • ART PARK. Via Marzona 11, Villa (UD). Ingresso: libero. Aperto sempre.
    L’Art Park è stato creato dal collezionista tedesco Egidio Marzona, invitando artisti di fama internazionale – appartenenti per lo più a movimenti accomunati dal rifiuto di isolare l’arte nei musei, quali Arte Povera, Land Art e Minimalismo – a realizzare sculture di grandi dimensioni sui terreni di sua proprietà.

E voi conoscete altri musei a cielo aperto da raggiungere in giornata da Milano? Ditecelo qui sotto, oppure sulla nostra pagina Instagram!

Siete amanti dell’arte? Qui trovate la nostra sezione dedicata alla cultura!

Bisogno di ispirazione? Date un’occhiata alla nostra sezione gite fuori porta!

CERCA NELLA MAPPA

Potrebbe interessarti anche

1 commento

Dove fare il bagno in Lombardia: 20 mete per una gita - Conosco un posto 02/07/2024 - 12:15 pm

[…] Cominciamo la nostra rassegna di posti dove fare il bagno in Lombardia partendo dal Lago d’Iseo. A Marone, si trova infatti una spiaggia libera chiamata anche “Piccola Tahiti” per la trasparenza delle sue acque. Un’esagerazione? Possibile, ma qualcosa di speciale dovrà pur avere per essersi meritata questo titolo! La spiaggia di ciottoli è raggiungibile a piedi, accedendo dal parco della biblioteca comunale, e non è particolarmente adatta ai bambini, data la profondità del fondale già a pochi passi da riva. Potrebbe essere una buona idea raggiungerla anche prima o dopo aver visitato Il Parco delle Sculture di Franciacorta, a 30 minuti circa di distanza, di cui vi abbiamo recentemente parlato nel nostro articolo dedicato a 10 musei a cielo aperto per una gita fuori porta da Milano.  […]

Rispondi

Lascia un commento