I 10 cocktail bar migliori di Milano

Bere bene a Milano non è difficile, ma bisogna sapere dove andare per un buon drink. Tra i 14enni molesti e i cocktail annacquati, fare una scivolata è più facile del previsto.

Ma in anni e anni di serate, alla fine ho collezionato una lista di bar del cuore. Dove sorseggiare cocktail ricercati e tornare a casa senza il mal di testa.

1. LACERBA

Due cocktail sul bancone di Lacerba | © Caterina Zanzi
Due cocktail sul bancone di Lacerba | © Caterina Zanzi

Quando ho voglia di un Bloody Mary fatto come si comanda, mollo tutto e vado in via Orti, dietro alla fermata della linea gialla Crocetta. Regolarmente, il Bloody Mary diventano i Bloody Mary. E non perché abbia un problema con l’alcool, ma perché qui lo fanno in maniera incredibile, e variegata (saranno una decina le varianti sul tema). C’è il Maria L’Acerba – per inciso, il mio preferito – che è quello della casa, con tabasco verde e vodka al peperoncino home made. C’è il Q.B., una variante con tequila, basilico e liquore alla cannella. E c’è, soprattutto, il Yellow Sub-Maria, tequila infusa al peperone giallo e una spolverata di curcuma. Accomodatevi sui divani nella sala ispirata al Futurismo e, se l’aperitivo vi apre lo stomaco, passate nella sala attigua, dove si aprono le porte del ristorante di pesce, in cui i piatti sono all’altezza dei drink serviti nella zona bar.

LACERBA. Via Orti 4, Milano. 02 545 5475. Costo medio di un cocktail: 8€. Aperto tutti i giorni (18:00/2:00) tranne la domenica.

2. REBELOT

Rebelot Milano Cocktail Navigli
Una ‘creazione’ del Rebelot | © Rebelot

Oltre all’ottima cucina, il motivo per cui fare uno stop al Rebelot, fratello minore dello stellato Pont de Ferr, sono i cocktail. Sedersi a uno dei tavolini affacciati sul Naviglio in primavera e godersi uno dei cocktail creati da Oscar Quagliarini, uno dei migliori baristi europei in circolazione, è un privilegio a cui difficilmente si riesce a resistere una volta che lo si prova. Qualità della bottiglieria e mano esperta mentre si miscelano i liquori: due caratteristiche che non possono sfuggire fin dal primo sorso. Anche qui non mi sono fatta sfuggire il Mary per Sempre (si è capito che amo il Bloody Mary?), una variante del drink con gin Mare, succo di pomodoro, elisir di capperi e rosmarino fresco. Ma a scorrere la carta, fanno tutti gola. Lo Speakeasy (Whisky Ardberg 10, zucchero, Galliano, angostura e chocolate bitter con una spruzzata di assenzio) e la Vie en Rose (gin, succo di pompelmo, acqua otonica, angostura e il benedetto Saint Germain) sono solo due proposte tutte da bere!

REBELOT DEL PONT. Ripa di Porta Ticinese 55, Milano.  02 84194720. Costo medio di un cocktail: 8€. Aperto tutti i giorni (18:00/2:00) tranne il martedì.

3. OTTO

Otto Milano
Un aperitivo da Otto | © Caterina Zanzi

All’ora dell’aperitivo da Otto in via Paolo Sarpi, uno dei miei posti del cuore, non c’è happy hour – cioè niente buffet (e meno male). Io opto sempre per un tagliere (a scelta tra sei, tutti con ingredienti buonissimi come l’hummus, salumi e formaggi e bruschette, a seconda dei gusti) che costa tra i 5 e gli 8 euro e può essere diviso in due, oltre che da una serie (notevole) di cocktail. Provare per credere!

OTTOVia Paolo Sarpi 8, Milano. 02 83417249 | posta@sarpiotto.com. Aperto tutti i giorni dalle 10 alle 2 di notte (il lunedì apre alle 18:30)

4. AL MERCATO TACO BAR

del Taco Bar | © Caterina Zanzi
Il mohito con top di birra del Taco Bar di Al Mercato | © Caterina Zanzi

Ho varcato le porte del Taco Bar di via Casale, nuova avventura – questa volta latino-americana – dei fondatori del format di Al Mercato (mai provato il Burger Bar e il Noodle Bar?), pensando di rimpinzarmi di burrito dopo una giornata difficile. Sono uscita dal Taco Bar con all’attivo sì il burrito, ma anche un paio di cocktail fatti ‘a modino’. Uno di questi, il più incredibile, era un mohito con una birra rovesciata dentro. Il secondo, incredibile anch’esso, era un Bloody Santana (Bloody Mary condito con tequila e top di birra). Inutile dire che, da allora, ci torno almeno una volta al mese.

AL MERCATO TACO BAR. Via Casale 5, Milano. 02 36767328. Costo medio di un cocktail: 8€. Aperto Lun-Ven 19:00/02:00; Sab 12:30/15:00 e 19:00/02:00; Dom 12:30/15:00 e 19:00/00:00.

5. RITA&COCKTAILS

Rita Cocktail Milano
Due cocktail del Rita| © Chiara Galati

Nonostante sia in una traversa del Naviglio Grande, dunque leggermente più appartato rispetto ai bar di zona, il Rita è un’istituzione in zona e capita che per bere un cocktail si debba fare un po’ di fila. Merito dei ragazzi, che qui i cocktail li preparano con grande passione. Di solito, spaparanzata su uno dei divanetti all’interno, ordino un ‘Cazzi Tuoi’ soltanto per il gusto di dirlo. Ma la lista è lunga, e ogni cocktail è debitamente spiegato. Oltre che buonissimo.

RITA&COCKTAILS. Via Angelo Fumagalli 1, Milano. 02 8372865. Costo medio di un cocktail: 9€. Aperto tutti i giorni (18:30/02:00) tranne la domenica.

6. PRAVDA VODKA BAR

Pravda Vodka Bar Cocktail Milano
Il bancone del Pravda| © Facebook Pravda Vodka Bar Milano

L’unica volta che ci sono stata ho ordinato un Moscow Mule. E poi un altro. E un altro ancora. E così, il Pravda mi è entrato nel cuore nonostante per me si trovi dall’altra parte della città, e abbia subìto un duro contraccolpo dal gap generazionale che mi si è prospettato davanti (sì, era pieno di minorenni). Da molti è considerato il miglior vodka bar di Milano, e non credo abbiano tutti i torti. Per tornare giovani, dopotutto, basta fare due chiacchiere lì fuori, confondersi tra i ragazzini, e bere un cocktail via l’altro a base di vodka.

PRAVDA VODKA BAR.  Via Vittadini 6, Milano. 334 3387602. Costo medio di un cocktail: 8€. Aperto tutte le sere (18:30/01:00).

7. CARLO E CAMILLA IN SEGHERIA

Carlo & Camilla in Segheria Cocktail Milano
Una creazione di Filippo Sisti per Carlo&Camilla in Segheria| © Dario Ponzo

In cucina, la direzione è quella di Carlo Cracco. Al bar, invece, la palla passa a Filippo Sisti, il bar tender che già ha fatto sprizzare le papille gustative dei newyorchesi, dei parigini e dei londinesi. A Milano, nel relativamente nuovo locale dell’aristochef in via Meda, Sisti serve i suoi cocktail originali, preparati con gli strumenti che di solito stanno in cucina (forno, padella, sottovuoto, abbattitore e via dicendo) e con un largo utilizzo delle spezie. Il risultato è sorprendente a qualsiasi ora, dall’aperitivo all’after dinner. Certo un po’ di ghiaccio in meno e un bicchiere un po’ più largo non guasterebbero, ma d’altronde neanche da Cracco mi pare si esca poi sazi.

CARLO E CAMILLA IN SEGHERIA. Via Meda 24, Milano. 02 8373963. Costo medio di un cocktail: 9€. Aperto tutti i giorni (18:00/02:00) tranne la domenica.

8. DRY

Dry Milano Cocktail
Un cocktail da Dry | © Diego Rigatti

Cocktail e pizza: what else? Così devono aver pensato da Dry, fratello (quasi) gemello di Pisacco, in via Solferino. Il barman è Guglielmo Miriello, giovane già ‘addestrato’ a far bere bene i propri concittadini. Le sue specialità sono i drink vintage, ma in carta c’è un po’ di tutto. E se siete in tanti, c’è anche il cocktail in bottiglia, per quattro o otto persone. Il mio preferito? Il ‘Between the Sheets’, drink senza tempo a base di rum, cognac, cointreau e succo di limone.

DRY. Via Solferino 33, Milano. 02 63793414. Costo medio di un cocktail: 8€. Aperto tutte le sere (19/1:30).

9. TAGLIO

Taglio Milano Cocktail
Un cocktail da Taglio | © Caterina Zanzi

Al netto del fatto che da Taglio qualsiasi cosa è notevole (a partire dalle uova alla Benedict, di cui vi ho parlato anche qui), una menzione d’onore va ai cocktail. In questo bel locale di via Vigevano, tra Porta Genova e i Navigli, ne preparano di ottimi: ne ho presi diversi – neanche a dirlo! – ma quelli che mi sono rimasti in mente sono stati un miscelato di gin, lime, tabasco e fiori di sambuco e uno spritz fatto con tutti i crismi. L’atmosfera è super intima e sembra di essere lontani mille e miglia dalla bolgia dantesca del Naviglio. Motivo in più per godersi la calma con un ottimo drink tra le mani.

TAGLIO. Via Vigevano 10, Milano.  02. 3653 4294. Costo medio di un cocktail: 10€. Aperto tutti i giorni (8/23:45).

10. TEMAKINHO

Temakinho Milano Caipirinha
Un temaki con la sua caipirinha | © Temakinho

Un proverbio portoghese recita “Se a vida lhe der um limão, faça dele uma caipirinha” – ovvero, “Se la vita ti dà un limone, tu fanne una caipirinha”. E come dargli torto. A Milano, come fanno la caipirinha da Temakinho, obiettivamente, mai (loro devono saperlo, perché sul sito c’è addirittura un video in cui spiegano come fare quella “perfetta”). Preparata con frutta freschissima, cachaca Leblon, zucchero e lime, è imbattibile: soprattutto quella al mango, sovrastata da tanti piccole palline di pepe rosa che mi fanno letteralmente impazzire. La caipirinha va accompagnata da uno dei temaki, ovvio: ve ne parlo qui!

TEMAKINHO. Ripa di Porta Ticinese, 37 \ \Corso Garibaldi 59, Milano. Costo medio di un cocktail: 8€. Aperto  tutti i giorni (12:00/15:00 e 19:00/00:00).

E voi, dove andate quando avete bisogno di un cocktail fatto come si deve? Nasdrovie!


Want to read this article in English? Go here! #APlaceinMilan

Comments 48

  1. Monica Savarè
    Reply

    Maaaa il Nottingham Forest? Difficile entrarci, per pagare devi vendere un rene, ma i loro cocktail sono spettacolari. Cito dal sito web:

    Dal 2008 il nottingham forest di Milano è entrato a far parte dei:
    “great 50 bars of the world”
    la prestigiosa compilation stilata da “class magazine”
    di Londra

    Maggio 2009 la rivista FOOD&WINE di New York vota il nottingham forest tra i migliori 7 bar del mondo

    Luglio 2009 timeout di Newyork inserisce il nottingham tra i 10 migliori gin bar del mondo

    Parigi 2010,il nottingham forest rappresenta l’Italia a “Cocktails & Spirit”

    23 novembre, 2014
  2. Luca Davide Valtolina
    Reply

    Nottingham Forrest ??? Tutto fumo e niente arrosto. La potenza del loro marketing li annovera tra i bar più prestigiosi del mondo ma a parte la presentazione dei cocktail non vanno molto lontano. I veri bevitori esperti ed esigenti in materia cercano altro e non quattro palline di azoto. Locale addobbato ad arte per turisti e per masochisti che amano essere trattati a pesci in faccia dal personale sempre maleducato ed altezzoso. Postaccio.

    25 novembre, 2014
    • Ambra Lameri
      Reply

      sono certa, per aver scritto un commento tanto puntuale, che tu abbia provato molti cocktail della più che fornita lista del Nottingham, attualmente 15° miglior cocktail bar nel mondo, posizione ottenuta non solo per le accattivanti presentazioni dei suoi cocktail ma anche,e soprattutto, per il prodotto offerto e la ricerca che ci sta dietro. Sono altresì certa che tu sia un esperto del settore, che per poterti così esprimere tu sia un conoscitore e pregiato estimatore di un numero considerevole di cocktail bar sperimentali, con una spiccata cultura relativa alle tecniche barchef e mixology.

      28 novembre, 2014
      • Luca Davide Valtolina
        Reply

        Confermo tutte le tue certezze, sono un bevitore esigente. Abito in v.le Piave a 35metri del Nottingham e ci vado spesso per uscirne costantemente deluso… Ho anche scritto piu’ volte a Comini nella speranza che qualcosa potesse quanto meno cambiare o comunque essere preso in considerazione. Il ranking del locale e’ frutto di un buon mix di marketing e pubblicita’. Chi vuole bere bene non frequenta il Nottingham, pero’ se qualcuno non piu’ fare a meno delle sfere di azoto da sciogliere in bocca e’ un problema suo. La spocchia e l’arroganza del personale sono il condimento finale….. de gustibus….

        28 novembre, 2014
    • Riots
      Reply

      Non sono assolutamente d’accordo, non sono un’abituée ma ci sono stato una decina di volte, e non ho mai trovato i ragazzi scortesi, anzi, ce n’è uno che ti ringrazia in continuazione.

      Non so se posso considerarmi un “bevitore esperto”, ma trovo loro cocktail estremamente creativi ma sempre (o quasi) ben bilanciati, ognuno è un’esperienza a se, col suo grado di gusto e anche di divertimento, perchè alla fine un cocktail è anche quello. Senza contare che mentre in parecchi bar alla moda c’è un casino tale da non sentire chi hai di fronte, loro riescono a mantenere un’atmosfera rilassata, probabilmente anche grazie al fatto che limitano il numero di persone che possono entrare, facendo un ragionamento che privilegia la qualità dell’esperienza al volume dei loro intoriti (parzialmente compensati dal fatto che i cocktail sono molto cari).

      19 marzo, 2015
  3. Davide Marco Ferrari
    Reply

    quelli che conosco di questa lista mi piacciono molto e nella mia personale top 10 ci sono anche Monkey, Trentacinque e Ugo

    2 dicembre, 2014
  4. Annamaria Bevilacqua
    Reply

    Ciao Caterina! La tua classifica mi piace molto e sono d’accordo con i posti che hai scelto!
    Complimenti per il sito, mi piace molto sia la grafica che i contenuti!
    Se ti va ti aspetto da me, ho un blog di cucina che parla anche di luoghi del gusto e si chiama About My Bakery, lo trovi al link http://blog.cookaround.com/aboutmybakery
    ps. ti seguo anche su facebook!
    A presto!

    3 dicembre, 2014
  5. L'hamburger di Al Mercato Burger Bar a Milano
    Reply

    […] I 10 cocktail bar migliori di Milano […]

    6 dicembre, 2014
  6. Ale Brigh
    Reply

    mah. per lo più un elenco di locali di moda in questo momento. non certo una lista dei migliori cocktail bar di milano.

    8 dicembre, 2014
  7. Aperitivo alla Bottiglieria Bulloni – Conosco Un Posto
    Reply

    […] I 10 cocktail bar migliori di Milano […]

    13 dicembre, 2014
  8. Chioma perfetta dal parrucchiere Bluette a Milano
    Reply

    […] I 10 cocktail bar migliori di Milano […]

    16 dicembre, 2014
  9. 10 Ristoranti a Milano: i migliori (2014) e la wishlist (2015)
    Reply

    […] I 10 cocktail bar migliori di Milano […]

    6 gennaio, 2015
  10. Shane Eaton
    Reply

    certo che ci deve essere il Nottingham Forest. Grazie a Dario Comini, è il cocktail bar più importante dell’Italia. Altri locali che dovrebbero fare parte della lista: 1930 (il locale più bello di Milano), Doping Club, Twist on Classic, MAG, Pinch, Luca e Andrea, Zinc.

    10 gennaio, 2015
  11. 3 negozi per lo shopping a Porta Genova – Conosco Un Posto
    Reply

    […] cuore del 2014), Smøøshi e ancora tanti altri posti di cui voglio parlarvi presto. Qui vado a bere un drink alla fine di una giornata pesante e, sempre qui, faccio un po’ di acquisti pazzi. Dove? Soprattutto in uno di questi tre negozi […]

    20 febbraio, 2015
  12. Un bicchiere di vino vista Duomo da Signorvino a Milano
    Reply

    […] a bere un buon bicchiere con vista Duomo, dopo un giro di shopping da Excelsior, in alternativa a un buon cocktail. E questo per una serie di ragioni: la prima tra tutte è che ha riempito il vuoto pneumatico che […]

    7 marzo, 2015
  13. I 10 wine bar migliori di Milano
    Reply

    […] bisognava andare in città a bere un buon cocktail, ve l’avevo già detto. Ma dove bere un buon bicchiere di vino a […]

    9 marzo, 2015
  14. Dav
    Reply

    consiglio vivamente il Tibi, zona Moscova: um moscow mule delizioso e ampia selezione di gin…

    14 marzo, 2015
    • ConoscoUnPosto
      Reply

      Grazie del consiglio Dav!

      16 marzo, 2015
  15. Riots
    Reply

    Aggiungerei senz’altro il Nottingham Forest in viale Piave, è tra i 50 cocktail bar migliori del mondo, il gestore è praticamente il Gualtiero Marchesi dei cocktail.
    Atmosfera raccolta, perfetta per chiaccherare, pochi tavolini più il bancone, e una lista sterminata di cocktail uno più incredibile dell’altro.

    Downsides, il costo è di 10€ fino alle 22, 12 più tardi, e per entrare, a meno di presentarsi molto presto, di solito si aspetta.
    Ma ne vale la pena, eccome.

    19 marzo, 2015
  16. The 10 Best Cocktail Bars in Milan | A Place in Milan
    Reply

    […] Read the original article on Conosco un Posto. Alle the english versions are translated by Tamara Ilic.  […]

    28 marzo, 2015
  17. Cosa si compra (e si mangia) all'Ikea di via Vigevano a Milano
    Reply

    […] la metro, scendere agevolmente a Porta Genova, magari fermarmi a pranzo da qualche parte, se mi va farmi anche un cocktail o un giro di shopping e poi entrare nello store nuovo di zecca di via […]

    12 aprile, 2015
  18. Cosa trovate al Mercato Metropolitano a Milano
    Reply

    […] comunque). Ci sono i dolci e il caffè di Taglio, il pollo dell’Antica Trattoria del Gallo, i cocktail del Rita e le focacce del Molina Quaglia. E poi il pesce fritto di Zio Pesce, la piadina dei Piadinari  e […]

    13 maggio, 2015
  19. L’aperitivo alle Fonderie Milanesi | Conosco un posto
    Reply

    […] (come spesso, purtroppo, accade a Milano), i cocktail invece sono buoni (anche se i miei preferiti rimangono sempre questi) e il servizio è ampiamente […]

    8 giugno, 2015
  20. I posti del cuore di Joe Bastianich a Milano – Conosco un posto
    Reply

    […] dei miei posti preferiti sono per esempio Pandenus vicino al Parco Sempione, Dry in Via Solferino ma anche – perché no – Cantine Isola, un locale con pochi vezzi ma gran buon […]

    21 giugno, 2015
  21. 10 locali dove bere all'aperto a Milano – Conosco un posto
    Reply

    […] sorseggiando qualcosa? Questo inverno vi avevamo già detto dove bere un bicchiere di vino o un buon cocktail: adesso vi raccontiamo i 10 locali dove bere all’aperto in estate in città! […]

    29 giugno, 2015
  22. Luca mungo
    Reply

    Dipende dal punto di vista . Conosco tutti i locali nominati. Nella maggior parte i ‘ bartender ‘ come amano farsi chiamare lavorano per farsi dire che bravi che siete. Sostanza poca!!

    15 settembre, 2015
  23. I 10 ristoranti giapponesi migliori di Milano
    Reply

    […] cucina nipponica in città. Inizio con l’affermare che – come accaduto per i miei cocktail bar preferiti e per i miei ristoranti di cucina coreana del cuore – anche in questo caso ho provato tutti […]

    21 ottobre, 2015
  24. A fare il brunch da Ofelé in via Savona – Conosco un posto
    Reply

    […] locale si trova proprio all’inizio di via Savona, una delle mie zone preferite sia per lo shopping sia per un drink con gli amici. Facilmente raggiungibile con la metro verde (Sant’Agostino o […]

    3 novembre, 2015
  25. Ho scoperto Omacasè, il Giappone a Porta Genova a Milano
    Reply

    […] Chi abita in zona, o ci passa spesso lo sa: trovare un ristorante davvero giapponese in zona Darsena è un’impresa. Fatta eccezione per un paio di posti (Temakinho, su tutti, e Asahi per un all you can eat ‘di fortuna’), Porta Genova ritengo sia un deserto per gli amanti del genere. Arrivare in questo locale davanti al Coin di viale Coni Zugna è semplicissimo: proprio davanti fermano diversi tram e la fermata della verde è letteralmente a due passi. La zona, lo sapete, è una delle mie preferite: fate un salto da Omacasé dopo un giro di shopping o un taglio di capelli e poi proseguite la serata in uno dei miei cocktail bar del cuore nel quartiere! […]

    16 novembre, 2015
  26. Una pausa sfiziosa da Taglio a Milano – Conosco un posto
    Reply

    […] per il dopocena, ve l’avevo già detto, Taglio è uno dei miei posti preferiti per bere un buon cocktail. Tra i miei preferiti, qui, un miscelato di gin, lime, tabasco e fiori di sambuco e […]

    20 novembre, 2015
  27. LuScia
    Reply

    Presente a Milano solo da giugno, è da subito diventato uno dei miei preferiti: The Botanical Club, al numero 11 di via Pastrengo dell’emergente zona Isola. Grazie alla maestria e, soprattutto, all’inventiva della mitica Katerina Logvinova, riesci realmente a “tornare a casa senza il mal di testa”! Insomma, consigliatissimo!!!

    26 novembre, 2015
  28. Una pausa rilassante da Gorille Café all'Isola di Milano
    Reply

    […] un po’ in sordina: il moscow mule non è dei migliori mai assaggiati (ma si sa che io, con i cocktail, sono abbastanza esigente). Ma, fortunatamente, le soddisfazioni arrivano in un […]

    27 novembre, 2015
  29. 10 locali a Milano per il brindisi di Natale – Conosco un posto
    Reply

    […] tipi da vino, ma anche da cocktail (qui trovate i miei preferiti) e soprattutto da ambiente glamorous, fate un salto nel locale di Carlo Cracco, Carlo e Camilla in […]

    9 dicembre, 2015
  30. I 20 post che avete letto di più nel 2015 – Conosco un posto
    Reply

    […] I 10 cocktail bar migliori di Milano […]

    29 dicembre, 2015
  31. La Calabria a Milano da Dongiò in Porta Romana – Conosco un posto
    Reply

    […] in zona è cosa un po’ più ardua). In zona potete contare sul relax delle QcTerme e sui cocktail eccelsi di Lacerba. Ultimamente la zona, specie via Muratori, si è arricchita di tantissimi ristoranti: non soltanto […]

    2 febbraio, 2016
  32. Le zuppe di Tagliabrodo in Solari a Milano – Conosco un posto
    Reply

    […] per un giro a Porta Genova prima o dopo, dove le alternative per un buon cocktail o per qualche giro tra negozi qui certamente non […]

    1 aprile, 2016
  33. Lo street food di pesce da Hoppy Fish in Porta Romana
    Reply

    […] provato l’altra sera, prima dei canonici tre (o quattro?) bloody mary da Lacerba in via Orti, il mio cocktail bar del cuore. E così ho ribadito, ancora una volta, il mio amore per i piatti di pesce, anche ‘di […]

    8 aprile, 2016
  34. I posti del cuore di Giulia Torelli aka Rock'n'Fiocc a Milano
    Reply

    […] mia amica Allegra che parla cinese (lo fanno in due location, lungo Paolo Sarpi e dentro il Mall). La sera invece per un cocktail scelgo Lacerba a Crocetta, oppure il Nottingham Forest, che però purtroppo ha sempre la fila […]

    14 aprile, 2016
  35. Rufus, finalmente un buon cocktail bar a Conciliazione
    Reply

    […] ricordate la mia lista dei cocktail bar del cuore a Milano? Ecco, Rufus ci andrebbe di diritto, non fosse che ha aperto da pochissimo. E non soltanto […]

    8 giugno, 2016
  36. Morgante, bar 'segreto' con dehor sui Navigli
    Reply

    […] vacanze’. Nomi simpatici, cocktail abbastanza all’altezza delle aspettative anche se i miei preferiti sapete dove li fanno. All’ora dell’aperitivo i cocktail vengono serviti con qualche stuzzichino, ma se vi […]

    17 giugno, 2016
  37. Emanuela
    Reply

    Ciao, lo so che sei giovanissima, ma cosa ne diresti di includere nelle tue classifiche anche qualche posto carino nel dopocena per ascoltare musica dal vivo di qualità ma easy, senza andare a piantarsi al Blue Note? Io sono grande e chiaramente non ho più l’età per là disco ma trovo sia presto per il pensionato e la musica mi piace molto, anche e soprattutto attuale… Ti seguo da molto e mi piace moltissimo il tuo blog. Buona giornata

    11 novembre, 2016
    • Caterina Zanzi
      Reply

      Ciao Emanuela, grazie mille per il commento e per l’idea…ci stiamo lavorando, prometto che un articolo così arriverà presto! Un abbraccio, Caterina

      11 novembre, 2016
  38. La cotoletta alla milanese del Ristorantino della Carne
    Reply

    […] I 10 cocktail bar migliori di Milano […]

    16 novembre, 2016
  39. I 20 post che avete letto di più nel 2016 su Conosco un posto
    Reply

    […] I 10 cocktail bar migliori di Milano […]

    19 dicembre, 2016
  40. I miei posti del cuore sui Navigli a Milano | Conosco un posto
    Reply

    […] I 10 cocktail bar migliori di Milano […]

    7 febbraio, 2017
  41. I miei posti del cuore in Duomo a Milano | Conosco un posto
    Reply

    […] I 10 cocktail bar migliori di Milano […]

    10 marzo, 2017
  42. La pizza napoletana "a ruota di carro" da Michele-i Condurro in Porta Romana
    Reply

    […] I 10 cocktail bar migliori di Milano […]

    12 aprile, 2017
  43. Gianfranco
    Reply

    Io conosco un posto dove si mangia bene e si beve meglio: Send Café

    11 luglio, 2017

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *